Lancet : Molnupiravir inefficace nel ridurre ricoveri e decessi da Sars Cov2

Lancet : Molnupiravir inefficace nel ridurre ricoveri e decessi da Sars Cov2

C’era grande attesa per i farmaci che avrebbero dovuto affiancare i vaccini nella lotta al sars cov2, ma adesso un nuovo studio pubblicato su Lancet, ci dice che hanno fallito su tutti i fronti. Dopo le ultime novità che stanno mettendo in allarme la comunità scientifica sui vaccini, adesso è il turno dei farmaci.

Uno studio chiamato PANORAMIC, che aveva l’obiettivo di monitorare l’efficacia degli antivirali contro il covid 19, ha dimostrato non solo l’inefficacia del Molnupiravir , ma anche la sua pericolosità. Il farmaco causerebbe mutazioni del virus. Un problema non da poco .

Ecco il testo:

Metodi

Lo studio PANORAMIC era uno studio controllato, randomizzato, adattativo, basato su piattaforma, nazionale, multicentrico, in aperto, multigruppo, prospettico, con sede nel Regno Unito. I partecipanti eleggibili avevano un’età pari o superiore a 50 anni, o di età pari o superiore a 18 anni con comorbidità rilevanti, e non stavano bene con COVID-19 confermato per 5 giorni o meno nella comunità. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale

(1:1) per ricevere 800 mg di molnupiravir due volte al giorno per 5 giorni più le cure abituali o solo le cure abituali. Per la randomizzazione è stato utilizzato un sistema sicuro basato sul web (Spinnaker), che è stato stratificato per età (<50 anni vs ≥50 anni) e stato di vaccinazione (sì vs no). Gli esiti di COVID-19 sono stati monitorati tramite un diario giornaliero online autocompilato per 28 giorni dopo la randomizzazione. L’outcome primario era il ricovero per tutte le cause o il decesso entro 28 giorni dalla randomizzazione, che è stato analizzato utilizzando modelli bayesiani in tutti i partecipanti idonei che sono stati assegnati in modo casuale. Questo studio è registrato con ISRCTN, numero 30448031.

Risultati

Tra l’8 dicembre 2021 e il 27 aprile 2022, 26.411 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale, 12.821 a molnupiravir più cure abituali, 12.962 solo alle cure abituali e 628 ad altri gruppi di trattamento (che saranno riportati separatamente). 12.529 partecipanti del gruppo molnupiravir più assistenza abituale e 12.525 del gruppo assistenza abituale sono stati inclusi nella popolazione dell’analisi primaria. 

L’età media della popolazione era di 56,6 anni (SD 12,6) e 24.290 (94%) su 25.708 partecipanti avevano ricevuto almeno tre dosi di un vaccino SARS-CoV-2. I ricoveri o i decessi sono stati registrati in 105 (1%) di 12.529 partecipanti nel gruppo di cure abituali con molnupiravir più 98 (1%) di 12.525 nel gruppo di cure abituali (odds ratio aggiustato 1·06 [95% Bayesian credible interval 0 ·81–1·41]; probabilità di superiorità 0·33). 

Non c’era evidenza di interazione terapeutica tra i sottogruppi. Eventi avversi gravi sono stati registrati per 50 (0,4%) dei 12.774 partecipanti nel gruppo con molnupiravir più assistenza abituale e per 45 (0,3%) su 12.934 nel gruppo con assistenza abituale. Nessuno di questi eventi è stato giudicato correlato a molnupiravir.

Interpretazione

Molnupiravir non ha ridotto la frequenza dei ricoveri o dei decessi associati a COVID-19 tra gli adulti vaccinati ad alto rischio nella comunità”.

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20